Est o Ovest? Questo è il problema.

5 ottobre 2009

partenza della seconda tappa della Transat650

partenza della seconda tappa della Transat650

Per gli 83 concorrenti della Transat650 la seconda tappa Funchal-Bahia (3100 miglia) è iniziata in salita. Partiti da Madeira sabato alle 14h02 gli skipper si sono ritrovati, ancora non sufficientemente marinizzati, a combattere di bolina con venti fino a 35 nodi provenienti dai quadranti meridionali. L’attesa depressione centrata sulle Azzorre ha fatto scivolare l’aliseo sotto le Canarie costringendo i partecipanti ad una difficile scelta tattica per agganciare prima possibile il flusso di NE. Da un lato un gruppetto di quattro scafi capeggiato da Andrea Caracci (Speedy Maltese), attualmente ventottesimo, si è diretto verso Est, all’interno delle Canarie, percorrendo più strada ma sperando di prendere per primo l’autostrada degli alisei; dall’altro 3 barche hanno optato per una rotta a Ovest, percorso più breve, nella speranza di una rotazione dei venti verso occidente. A queste due opzioni “estreme” risponde una tattica più moderata del resto della flotta che si è tenuto al centro puntando alla parte più esterna delle Canarie, alla loro guida Fabien Despres (Soitec). E’ ancora presto per ragionare sulla classifica sia per la lunghezza della tappa, sia per la variabilità delle condizioni meteo in corso. Sapremo nei prossimi giorni chi avrà avuto ragione, Est, Ovest o centro. Al momento Andrea è quarantatreesimo a 33 miglia dal primo, sicuramente il Ginto non è il Mini650 più performante di bolina “dura” speriamo che possa rifarsi nel passaggio dell’arcipelago delle Canarie dove ci dovrebbe essere vento più leggero ma soprattutto speriamo che Jrata non soffra nuovamente dei problemi patiti al pilota automatico nella prima tappa.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *