Chi va piano, va sano e va lontano

15 settembre 2009

Immagine 24
Alle 5 UTC di oggi 15 settembre dopo meno di due giorni, grazie a medie di quasi 10 nodi, i primi del gruppo sono a 20 miglia da Cap Finisterre. Al comando su un prototipo Henri Paul Schipman (Maison de l’avenir urbatys) seguito a un solo miglio di distanza dall’incredibile Francisco Lobato (Roff tmn) primo di serie ma soprattutto secondo assoluto. La prestazione del portoghese ha dell’incredibile se si pensa che naviga su una barca che rispetto ai proto non ha ballast, canting keel e costruzione e albero in carbonio.

Andrea, nonostante una partenza fulminea che lo ha visto decimo per la primissima parte della regata, si attesta stabilmente alla quarantunesima posizione. La sua velocità di 6,8 nodi nelle 24 ore mi sembra bassa rispetto al resto della flotta e alle potenzialità di Jrata. Ma niente di grave, questa prima tappa con vento intenso ha reso sicuramente più impegnativa la “marinizzazione”. Non è un caso che stiano emergendo i più allenati come Francisco Lobato che con una barca di serie è secondo assoluto. Andrea costretto nell’ultimo periodo a lavorare molto sulla barca sta pagando un po’ di stanchezza e giustamente, credo, sta scendendo con il freno a meno leggermente tirato. La regata è ancora lunghissima ed è noto che chi va piano, va sano e va lontano.

A chi interessasse ho scoperto al seguente link un filmato con l’uscita di Andrea da La Rochelle: è il primo mini650 che si vede con uno sciroccato che saluta come un ossesso!


Comments

  1. Susanne Vassiliou Holm - 15 settembre 2009 at 14:53 - Rispondi

    Ciao Andrea,
    ho appena visto la tua partenza, sei gandioso!
    Seguiro’ da Pura tutto che ti succederà e ti auguro un esperienza bellissima perché indimenticabile!
    Tanti saluti
    Susanne, mamma di Seba e Phaidon

  2. luciana - 15 settembre 2009 at 20:13 - Rispondi

    Ciao Andrea,
    ho visto la tua partenza che emozione !!!
    ti seguo ogni giorno e come dicono tutti
    “Buon Vento) .
    ti abbraccio Luciana


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *